Franco Panizza

Franco Panizza

Martedì, Marzo 26, 2019
Filtro
  • TESTO SULLA VITE E SUL VINO, PROSSIMA SETTIMANA IN AULA

    TESTO UNICO VITE E VINO, PANIZZA (PATT): PROSSIMA SETTIMANA PROVVEDIMENTO IN AULA SENATO

    "La prossima settimana il testo unico sulla vite e sul vino arriverà in aula."

    Lo annuncia in una nota il segretario politico del PATT, sen. Franco Panizza, nonché correlatore del Provvedimento.

    "In Commissione Agricoltura - spiega Panizza - stiamo procedendo velocemente per giungere quanto prima all'approvazione definitiva di un provvedimento molto atteso da tutto il mondo del vino.

    Ieri abbiamo approvato una serie di ordini del giorno con cui si impegna il Governo ad affrontare alcuni aspetti, già a partire dai decreti attuativi del provvedimento.

    È il caso di un mio ordine del giorno, presentato assieme alla correlatrice Pignedoli, per la tutela della competitività regionale nella nuova disciplina per l'assegnazione delle autorizzazioni per i nuovi impianti vitivinicoli. Il documento approvato impegna il governo a tener conto delle diverse situazioni territoriali, a favorire le aziende in grado di garantire produzioni qualitativamente in linea con le richieste del mercato, a tutelare i piccoli e medi imprenditori, a promuovere il ricambio generazionale e la viticoltura sostenibile praticata nelle aree maggiormente vocate per la produzione a denominazione controllata.

    Il secondo riguarda la salvaguardia dei paesaggi rurali storici e la valorizzazione e promozione delle coltivazioni viticole di montagna. La richiesta al Governo è di promuovere, sostenere e valorizzare i vigneti autoctoni, soprattutto quando dislocati in situazioni "eroiche" e caratterizzate dai terrazzamenti con muretti a secco. Il tutto incentivando e rafforzando le sinergie sul terreno delle fattorie didattiche e delle aziende agrituristiche. Il legame dell'agricoltura con il turismo deve essere sempre più forte per valorizzare appieno l'appeal di un territorio e i tratti identitari per la crescita di un turismo esperienziale.

    Il terzo è quello sulla Governance dei consorzi di tutela e valorizzazione che raccoglie alcune sollecitazioni della Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti, al fine di garantire la partecipazione e quindi la condivisione sulle decisioni che riguardano il settore da parte di tutti gli operatori della filiera, anche di quelli non associati a cooperative ma che coi loro marchi di alta qualità contribuiscono all'immagine del settore.

    Tra gli altri ordini del giorno approvati, ve ne è anche uno, sempre segnalato dal settore, relativo alla semplificazione burocratica di un settore composto in maggioranza da piccole imprese, come quello del settore degli zuccherifici.

    Questi ordini del giorno - insiste Panizza - sono anche il frutto del confronto serrato che in queste settimane abbiamo avuto con molti dei soggetti interessati dal provvedimento, confronto che abbiamo avuto in sede nazionale ma anche personalmente in Trentino.

    Da parte di tutti è emersa la richiesta di una rapida approvazione di un provvedimento che ha avuto un lungo ma proficuo tempo di gestazione alla Camera.

    Per questo sono contento - conclude il senatore trentino - della velocità che con la collega Pignedoli siamo riusciti a dare ai lavori in commissione, grazie anche a un paziente lavoro di mediazione politica. L'obiettivo deve essere quello di andare quanto prima all'approvazione definitiva di un testo davvero corposo e importante, che mette ordine nel settore e introduce importanti novità per renderlo più garantito dal punto di vista della qualità e più competitivo sui mercati internazionali."  

  • NASCITA IN MONTAGNA, IL MINISTRO LORENZIN FIRMA IL DECRETO

    PANIZZA: "ORA LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME HANNO SPAZIO PER LA SPERIMENTAZIONE"

    Il ministro della salute, on. Beatrice Lorenzin, ha firmato in data 11 novembre il decreto con il quale apre alla possibilità di sperimentazione in aree montane di punti nascita inferiori ai 500 parti annui, a condizione che vengano mantenuti gli standard di qualità e di sicurezza previsti dalla normativa. Il decreto, che recepisce le istanze portate avanti dall'intergruppo parlamentare per lo sviluppo della montagna, affida al Comitato Percorso Nascita nazionale il compito di esprimere un motivato parere su eventuali richieste di mantenimento in attività di punti nascita con volumi di attività inferiori ai 500 parti annui, in deroga a quanto previsto dall'Accordo Stato-Regioni del 16 dicembre 2010.

  • LEGGE DI STABILITA', L'ACCOGLIMENTO DELLE PROPOSTE DEGLI AUTONOMISTI RIMARCA PROFILO RIFORMISTA DELLA LEGGE

    COMUNICATO STAMPA - "Questa Legge di Stabilità recepisce molte delle nostre proposte. Il contributo del Gruppo per le Autonomie è stato apprezzato e valorizzato in maniera importante,  a riprova di come i partiti territoriali e i sistemi autonomisti, anche per la loro stretta vicinanza al territorio, riescono a cogliere meglio di altri le istanze e i bisogni delle persone trasformandole in proposte concrete e percorribili".

  • LEGGE DI STABILITA', RICONOSCIUTI I DIRITTI DELLE SOCIETA' CHE OPERANO PER L'EDILIZIA SOCIALE

    COMUNICATO STAMPA - "Dopo un serrato confronto con il Governo, questa mattina la Commissione Bilancio ha approvato l'emendamento alla Legge di Stabilità che riconosce i diritti degli IACP costituiti in forma di società, riducendone il carico fiscale e liberando risorse per le finalità di edilizia popolare. Tra queste anche ITEA. L'emendamento, a mia prima firma, è stato sottoscritto e sostenuto dal Gruppo per le Autonomie e da alcuni senatori del PD.

  • SULLO STATO ISLAMICO

    Cos'è l'ISIS - È un'organizzazione nata dalle ceneri della resistenza irachena dopo la guerra del 2003, per poi estendersi in Siria, il Libia e combatte al confine turco, nei territori a predominanza curda.

    Vuole instaurare un nuovo Califfato ovvero un regime teocratico con a capo un Califfo, con il sogno di unificare sotto questa bandiera tutto il mondo arabo.

  • LEGGE DI STABILITA', PASSAGGIO IMPORTANTE PER LE AUTONOMIE SPECIALI

    Martedì notte il Senato ha approvato la Legge di Stabilità.

    Il voto favorevole dato dal PATT e dal Gruppo per le Autonomie è stato un voto convinto, ma che non era affatto scontato. L'esecutivo se l'è guadagnato sul campo in queste settimane, attraverso una sostanziale revisione del testo che, nella sua versione iniziale, metteva seriamente in discussione le nostre prerogative così come previste dalla Costituzione e dallo Statuto di Autonomia.

    Tra noi e il Governo, in tutti questi giorni, c'è stato un confronto serrato, a volte duro, ma sempre leale. E l'esecutivo, tornando in molte circostanze sui suoi passi, ha mostrato disponibilità, ragionevolezza e buonsenso, evitando in questo modo che le Province Autonome di Trento e di Bolzano si trovassero costrette a impugnare la legge davanti alla Corte Costituzionale, e noi autonomisti a votare contro questa Legge e contro il Governo.

  • LEGGE DI STABILITA', ACCOLTO ODG SU PICCOLA PROPRIETA' CONTADINA

    (COMUNICATO STAMPA) Un ordine del giorno alla Legge di Stabilità presentato dal senatore del PATT Franco Panizza e dal collega della SVP Hans Berger accolto dal Governo, con il quale l'esecutivo si impegna politicamente a considerare la possibilità di mantenere le agevolazioni tributarie a favore dei contadini di montagna. È accaduto ieri notte in Commissione Bilancio in Senato, durante l'esame degli emendamenti alla Legge di Stabilità.

  • LEGGE DI STABILITA', RISPETTARE LE AUTONOMIE SPECIALI O IL PATT VOTERA' CONTRO

    (COMUNICATO STAMPA) Il testo della Legge di Stabilità, in questo momento all'esame della Commissione Bilancio del Senato (Panizza sta seguendo direttamente i lavori in Commissione) non rispetta le prerogative delle autonomie speciali. È un testo, da questo punto di vista, anticostituzionale e che sarebbe sicuramente impugnato dai consigli provinciali di Trento e di Bolzano. Per questo, se non ci saranno modifiche, come rappresentanti in Parlamento del PATT, in aula esprimeremo voto contrario.".

    Lo dicono in una nota congiunta il sen. Franco Panizza, segretario politico del PATT e l'on. Mauro Ottobre.

    "Solo in Senato abbiamo presentato 25 emendamenti migliorativi su tutta una serie di materie in grado di accompagnare la ripresa economica e di semplificare la burocrazia, oltre che di aprire nuove prospettive per i nostri territori. Tuttavia sul testo rimane una pregiudiziale da parte nostra e condivisa anche dai colleghi della Südtiroler Volkspartei e dell'Union Valdotaine, relativa alle trattenute da parte dello stato centrale delle riserve erariali, alla gestione dei prelievi, alle decurtazioni delle risorse in alcuni ambiti, sanità in primis, alle competenze sui tributi locali.

    In questo momento sono in corso trattative sia sul piano politico che su quello istituzionale. Siamo in costante contatto col Presidente Rossi, che oggi ha incontrato a Roma il Ministro Delrio, e con la delegazione parlamentare trentina. L'auspicio è che naturalmente questo confronto si concluda nel modo migliore e cioè rispettando in toto le prerogative delle nostre province, altrimenti ci vedremo costretti a votare contro questa legge".
  • BENE SACCOMANNI SU RATE EQUITALIA, ACCOLTA MIA SOLLECITAZIONE

    Esprimo soddisfazione per l'emanazione del regolamento attuativo sulla modalità di riscossione e rateizzazione dei debiti con Equitalia, firmato l'altro ieri dal Ministro Saccomanni e relativo al decreto del fare, con il quale si accoglie quanto avevo chiesto con un'interrogazione e cioè dare nel più breve tempo possibile la possibilità al contribuente di passare dalle 72 alle 120 rate per il pagamento dei debiti.

     

     

  • DL ISTRUZIONE, NORME POSITIVE MA SI DOVEVA FARE DI PIU'

    (COMUNICATO STAMPA) Il disegno legge sulla scuola contiene sicuramente degli aspetti positivi, sarebbe stato, tuttavia, necessario compiere un ulteriore atto di coraggio, perché la scuola oggi ha bisogno di molto altro. A dichiararlo è il senatore trentino del PATT Franco Panizza intervenuto in Aula sul provvedimento. Tra gli aspetti positivi, Panizza evidenzia come la scuola venga finalmente intesa come un sistema più ampio, nell'ambito del quale non si cura soltanto la conoscenza o il sapere, bensì anche la cultura dell'alimentazione, volta alla prevenzione in materia di salute.

Scroll to Top