Franco Panizza

Franco Panizza

Martedì, Giugno 25, 2019
Filtro
  • Arginare la pratica dell'esportazione parallela dei farmaci essenziali per garantire la continuità terapeutica

    COMUNICATO STAMPA - "Il Governo metta subito in campo una forte iniziativa per evitare la carenza di farmaci essenziali, imputabili direttamente o indirettamente alla pratica scorretta della "esportazione parallela", garantendo così la continuità terapeutica per i pazienti che ne fanno uso".

    Lo dichiara in una nota il segretario politico del PATT, sen. Franco Panizza, che ha presentato un ordine del giorno alla legge annuale per il mercato e la concorrenza, attualmente all'esame del Senato.

  • RIFORMA DEL CREDITO COOPERATIVO, IL MODELLO PER IL TRENTINO NON PUO' ESSERE CREDIT AGRICOLE

    "È vero, il sistema del Credito cooperativo in Italia va riformato, ma con l'obiettivo di favorirne uno che sia vicino anche alle esigenze dei territori e del sistema produttivo locale. Per questo il Presidente Renzi sbaglia a indicare come modello Crédit Agricole. Le concentrazioni e i grandi gruppi rispondono a logiche diverse, proprio come abbiamo visto negli anni più duri della crisi, in cui l'erogazione del credito da parte dei grandi gruppi rispondeva a logiche diverse rispetto ai bisogni e alle esigenze delle piccole e medie imprese che volevano operare per la ripresa".

  • LOTTA AL TERRORISMO, BENE POSIZIONE ITALIANA DI ATTENZIONE ALLA LIBIA

    COMUNICATO STAMPA - "La lotta al terrorismo necessita di un articolato dispositivo di contrasto, in cui azioni di carattere repressivo-militare si collegano a una forte azione di carattere culturale e a un forte lavoro politico-diplomatico per far sì che la lotta a Daesh coinvolga i musulmani e paesi come l'Arabia Saudita".

    Lo ha detto in aula il segretario del PATT nonché componente della delegazione parlamentare NATO, sen. Franco Panizza, dopo l'intervento del Presidente Renzi, in vista del Consiglio Europeo del 17-18 dicembre.

  • CASSE RURALI E DECRETO SALVA-BANCHE: PANIZZA SCRIVE AL MINISTRO PADOAN

    COMUNICATO STAMPA - "Stiamo sollecitando il Governo, che ha presentato alla Stabilità un emendamento che ripropone integralmente il decreto salva-banche, affinché le Casse Rurali del Trentino vengano esonerate dal contribuire al Fondo di Garanzia, dato che, non essendo istituti di interesse nazionale per la ridotta dimensione, non potranno mai beneficiarne. In alternativa chiediamo che venga rideterminato il contributo nella fascia fortettariamente determinata".

  • IN RICORDO DI GIOVANNI CARLI

     

    carliGiovanni Carli era una persona buona e generosa. Ci ha lasciati qualche giorno fa per  colpa di una brutta malattia che l'ha sottratto ai suoi cari e a noi tutti nel volgere di poche settimane.

    Giovanni provava un amore viscerale per la nostra terra, tanto da dedicare gran parte della sua esistenza alla ricerca e allo studio della nostra storia: quella meno conosciuta e per questo ancor di più importante.

    Una storia che va necessariamente scritta con la lettera minuscola. Non perché minore, ma perché orgogliosamente distante da quella in grado di suonare solo gli acuti dello spartito: le grandi battaglie, le conquiste e le sconfitte, i numeri e le date.

    No, la storia, per Giovanni, era prima di tutto quella degli uomini e delle donne, dei poveri e dei dimenticati: i soldati che lasciarono la vita sulle nostre montagne, nelle trincee che qui furono scavate, in quegli anni tremendi del Primo Conflitto Mondiale.  A cominciare dalle migliaia di soldati trentini che furono mandati a combattere in Galizia e che morirono con la divisa dell'Impero Austroungarico, una pagina vergognosamente cancellata dalla storiografia ufficiale e che anche grazie all'operato di Giovanni ha finalmente trovato il rispetto e l'onore che meritava.

     

  • L'ON. BIANCOFIORE NON PERDE OCCASIONE PER TACERE

    COMUNICATO STAMPA - "Le dichiarazioni dell'on. Michaela Biancofiore rappresentano un fatto psicologicamente interessante: forse perché nella sua vita politica non è mai riuscita a rappresentare e a difendere le istanze e i bisogni delle popolazioni del Trentino e dell'Alto Adige/Süd Tirol e per questo si scaglia contro di loro, e contro il fatto che ci siano in Parlamento forze che non fanno altro che mantenere fede al mandato ricevuto dagli elettori: in fondo non è un caso che, alle ultime elezioni, Forza Italia in Alto Adige abbia raccolto appena il 2,5% dei consensi".

Scroll to Top